Cartomanzia E Rituali GRATIS AL +39 339 27 29 722 E +39 366 45 86 448 anche su WhatsApp E Telegram con risposta IMMEDIATA Home ~~~ CON LA LEGA DEL SUD LA MAFIA SI SAREBBE FATTA STATO ~~~ CON LA LEGA DEL SUD LA MAFIA SI SAREBBE FATTA STATO

CON LA LEGA DEL SUD LA MAFIA SI SAREBBE FATTA STATO

Cartomanzia E Rituali GRATIS AL +39 339 27 29 722 E +39 366 45 86 448 anche su WhatsApp E Telegram con risposta IMMEDIATA Home ~~~ CON LA LEGA DEL SUD LA MAFIA SI SAREBBE FATTA STATO ~~~ CON LA LEGA DEL SUD LA MAFIA SI SAREBBE FATTA STATO

CARTOMANZIA GRATIS NEWS«Un giorno c’era Umberto Bossi a Catania e io dissi a Borino Micciché: questo ce l’ha con i […]

CARTOMANZIA GRATIS NEWS«Un giorno c’era Umberto Bossi a Catania e io dissi a Borino Micciché: questo ce l’ha con i meridionali, vado e l’ammazzo’. Mi disse di fermarmi: questo è solo un pupo. L’uomo forte della Lega è Miglio che è in mano ad Andreotti». A raccontare questa conversazione, in aula, a Palermo, dove si sta svolgendo il processo Stato-mafia, è il pentito di mafia Leonardo Messina. Nella sua ampia deposizione, in risposta alle domande del pn Nino Di Matteo,

Messina ha parlato anche del progetto separatista di Cosa Nostra, «si sarebbe creata una Lega del Sud e la mafia si sarebbe fatta Stato» e ha rivelato che all’inizio degli anni ’90, per realizzare questo obiettivo, i malavitosi siciliani erano pronti «ad acquistare dalla ‘ndrangheta una grossissima partita di armi investendo circa 2 miliardi di lire». Secondo il collaboratore di giustizia, le armi – bazooka, kalashnikov e pistole – dovevano servire al progetto separatista voluto dalla mafia che pensava alla creazione di una Lega del sud.

La cosa poi sfumò perché Messina, che era, a suo dire, il trait d’union con la ‘ndrangheta, venne arrestato e il suo referente mafioso, il capomafia di Enna Borino Miccichè, fu arrestato. Messina ha detto anche che «In Cosa nostra si diceva che Andreotti era uomo d’onore, che era punciuto (affiliato formalmente, n.d.r) e che ci avrebbe garantito al maxiprocesso». Il collaboratore ha riferito che inizialmente tra i vertici di Cosa nostra c’era la certezza che il maxiprocesso, in Cassazione, sarebbe andato al giudice Corrado Carnevale.

«Si riteneva che sarebbe finito in barzelletta», ha detto. Poi «quando si seppe che invece a presiedere il collegio giudicante che avrebbe celebrato il maxi sarebbe stato un altro, si capì che i politici si erano allontanati». «Allora ci si cominciò a lamentare di Salvo Lima e Giulio Andreotti – ha spiegato – e si disse che non erano più in grado di garantire nulla».CONTINUA A LEGGERE SU CARTOMANZIA GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GRATIS CARTOMANZIA
Invia tramite WhatsApp
Torna in alto