CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@CARTOMANZIAGRATIS.INFO RITUALI GRATIS AL366-4586448 Home » IL GENERE UMANO È DESTINATO ALL'ESTINZIONE » IL GENERE UMANO È DESTINATO ALL’ESTINZIONE

IL GENERE UMANO È DESTINATO ALL’ESTINZIONE

CARTOMANZIA GRATIS NEWSLe affermazioni sul fatto che il mondo stia diventando “sovrappopolato” sono in voga da decenni, ma è la mancanza di nuovi bambini che preoccupa davvero gli esperti dei Paesi sviluppati. Questa settimana il Giappone ha annunciato che un terzo delle donne di 18 anni potrebbe non avere mai figli a causa della “recessione sessuale” che affligge il Paese da decenni. Un uomo trentenne giapponese su 10 è ancora vergine e il tasso di fertilità del Paese è crollato da 1,5 nel 1992 a 1,34 nascite per donna nel 2020. La mancanza di nascite sta già avendo un impatto sul mondo reale: l’economia giapponese si è bloccata e ha fatto perdere al Paese il suo posto di superpotenza economica.

Gli esperti avvertono che gli Stati Uniti stanno andando verso lo stesso destino, con tassi di fertilità ai minimi storici e un aumento delle relazioni senza sesso. Oltre ad avere uno dei tassi di natalità più bassi al mondo, il Giappone ha anche una delle aspettative di vita più alte, il che significa che si ritrova con una società che invecchia rapidamente, una forza lavoro che si riduce e meno contribuenti. Alcuni esperti hanno dichiarato al DailyMail.com che, se il tasso di natalità non riprende, l’America potrebbe andare incontro a una serie di problemi, come un crollo della crescita economica e difficoltà per i sistemi pensionistici. Il baby boom della metà del XX secolo ha visto una donna media negli Stati Uniti dare alla luce tra i tre e i quattro figli.

Oggi il tasso è solo dell’1,6 – il livello più basso registrato da quando i dati sono stati rilevati per la prima volta nel 1800. E non c’è “nulla nei dati che suggerisca che questa tendenza si invertirà presto”, ha dichiarato al DailyMail.com Phillip Levine, professore di economia al Wellesley College in Massachusetts. Ha aggiunto che gli incentivi finanziari – come quelli promessi in Giappone per le famiglie con tre o più figli – “non hanno successo” nell’aumentare significativamente il tasso di natalità di un Paese e forse dovremo “imparare a vivere in un mondo in cui il tasso di natalità è basso”. Nel gennaio 2023, il Giappone ha aumentato gli incentivi finanziari e ha offerto 1 milione di yen (7.500 dollari) per ogni bambino alle famiglie che si trasferiscono dalla zona di Tokyo. Questa somma si aggiunge alla tassa di trasferimento già esistente di 300.000 yen (2.000 dollari).

È troppo presto per dire se farà una differenza duratura, ma gli esperti non sono ottimisti. Il dottor Levine ha dichiarato al DailyMail.com che sarà necessaria una riorganizzazione economica per tenere a galla il Paese, aggiungendo che “si perderanno posti di lavoro” nell’industria manifatturiera, nell’edilizia e in altri settori, per spostarsi verso l’assistenza e altri servizi per gli anziani. Questo “finirà per avere un impatto dannoso sia sulla coesione sociale e sul benessere generale, sia sul dinamismo economico”, ha avvertito. Il dottor Christopher Murray, esperto di salute globale dell’Università di Washington, ha dichiarato al DailyMail.com: “Poiché la maggior parte degli acquisti di beni immobili o di beni di consumo durevoli avviene tra gli adulti in età lavorativa, questo tenderà a esercitare una pressione al ribasso su questi tipi di beni. Nel lungo periodo, le società dovranno adattarsi ad avere più nonni che nipoti. In realtà stiamo solo iniziando a capire la miriade di sfide che una bassa fertilità prolungata avrà sulle società”. Ricerche precedenti hanno rivelato che gli americani fanno molto meno sesso rispetto alle generazioni precedenti.

Uno studio del 2017 ha rilevato che le coppie sposate o conviventi hanno fatto sesso 16 volte in meno all’anno nel 2010-2014 rispetto al 2000-2004. E le coppie hanno fatto sesso nove volte di più nel 1995-1999 rispetto ad oggi. Gli esperti hanno molte teorie sul perché il nostro interesse per il sesso stia diminuendo, tra cui la dipendenza dal porno, i farmaci che alterano i lipidi come gli antidepressivi, i bassi livelli di testosterone tra gli uomini, l’obesità e altri fattori. Il dottor Stuart Fischer, medico internista di New York, ha dichiarato al DailyMail.com che è necessario un cambiamento di mentalità da parte dell’opinione pubblica, in cui gli americani inizino a pensare al sesso come a un’attività produttiva per il bene comune e a fare sesso più “mirato” per aumentare il tasso di natalità In Giappone, il calo del tasso di natalità è stato attribuito a una minore propensione al matrimonio e alla genitorialità e alle crescenti preoccupazioni finanziarie, che portano le coppie a chiedersi se possono permettersi dei figli.

È anche dovuto a un circolo vizioso: meno figli che poi hanno meno figli, ha dichiarato Takuya Hoshino, economista senior del Dai-ichi Life Research Institute. Quando le persone hanno meno figli, sono in grado di spendere di più per ogni figlio rispetto al passato. Questo fa aumentare il costo medio della crescita di un bambino per l’intera popolazione, scoraggiando alcune persone dall’avere figli. Negli Stati Uniti, problemi simili sono imputati alle donne che danno priorità alla carriera e all’aumento dei trattamenti per la fertilità, che inducono molti a pensare di poter aspettare. Ma il dottor Levine ha detto che le prove a sostegno di queste teorie “non sono poi così grandi” e ha ammesso che i ricercatori non hanno una “presa sicura” sul perché le donne americane stiano avendo meno figli. Gli Stati in cui i costi degli alloggi aumentano di più o i costi dei servizi per l’infanzia aumentano di più non hanno tassi di natalità che diminuiscono più rapidamente di altri Stati”, ha affermato. Per esempio, il Massachusetts ha l’assistenza all’infanzia più costosa ma ha il quarto tasso di fertilità più basso tra gli Stati. Non sembra che sia una questione di finanze, ma di ciò che la gente vuole dalla propria vita”. La Grande Recessione ha sicuramente dato il via alle danze negli Stati Uniti e le nascite sono abitualmente legate all’attività economica. Ma quando la recessione è finita, le nascite non si sono riprese, hanno continuato a scendere. Quindi è chiaro che questo ha avuto un ruolo all’inizio, ma non un ruolo continuo perché la recessione è finita”. Il dottor Levine ritiene invece che il calo delle nascite sia probabilmente dovuto al “cambiamento delle preferenze, degli obiettivi di vita e delle aspirazioni” delle donne e dei loro partner.

Il matrimonio e la maternità potrebbero non essere una priorità tra le ondate più recenti di giovani, come lo sono state in passato”, ha detto, aggiungendo però che questo non è “specifico per ogni Paese”. Anche l’erosione dei valori familiari e dei principi religiosi potrebbe essere un fattore, ha detto Fischer. In Giappone, il numero di bambini è in calo da oltre quattro decenni, con effetti disastrosi sul PIL e sulla produttività. Secondo l’Istituto nazionale di ricerca sulla popolazione e la sicurezza sociale, la popolazione giapponese, pari a 126,15 milioni nel 2020, dovrebbe scendere a 87 milioni nel 2070. In Cina, la famigerata politica del figlio unico ha avuto effetti catastrofici. Descritta come la peggiore politica della storia, ha fatto crollare il tasso di fertilità della Cina di oltre la metà, da 5,8 nascite per donna nel 1970 a 2,7 nascite per donna nel 1979. E gli effetti si fanno ancora sentire. Secondo le stime dei dati governativi, il tasso di fertilità della Cina è sceso al minimo storico di 1,09 nel 2022, il più basso di tutti i Paesi con una popolazione superiore ai 100 milioni. Il calo del tasso di natalità è dannoso per un Paese per diversi motivi.

Meno nascite significa meno lavoratori, il che ha “implicazioni per l’attività economica e la crescita economica”, ha detto il dottor Levine. Questo comporta problemi per i sistemi pensionistici, che si basano sul fatto che i lavoratori attuali pagano i benefici per i pensionati attuali”, ha aggiunto, e difficoltà nel “finanziamento e nella gestione di un sistema scolastico”. Il dottor Fischer concorda sul fatto che le ragioni del calo della natalità in America sono di natura sociologica. La gente è più ansiosa che mai”, ha detto. Le persone sono in condizioni più disperate; l’economia è ovviamente molto, molto instabile. Questa non è la situazione che si sarebbe verificata dopo aver vinto una guerra mondiale, per esempio, dove si è felici e si vuole mettere su famiglia. Questa è l’antitesi di tutto ciò”. L’aumento del costo della vita è stato un deterrente per le persone a creare una famiglia, ha detto il dottor Fischer. Ha anche sottolineato come gli appuntamenti siano cambiati nel corso degli anni. Un tempo si trattava di matrimoni combinati”, ha detto. Il dottor Fischer ha detto che la pandemia, i progressi tecnologici e l’uso crescente di Internet hanno fatto sì che le persone diventassero “più insulari”. È più facile isolarsi dalla società su Internet… e non si ha voglia di uscire perché si è depressi”, ha detto, sottolineando la crescente crisi della salute mentale in America, dove attualmente un adulto su cinque è clinicamente depresso. Ha aggiunto che l’aumento dei tassi di obesità potrebbe avere un impatto sulla fertilità sia per gli uomini che per le donne. Quando gli uomini sono obesi, l’equilibrio tra testosterone ed estrogeni non è corretto, quindi possono verificarsi problemi di fertilità”.CONTINUA A LEGGERE SU CARTOMANZIA GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto