CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@CARTOMANZIAGRATIS.INFO RITUALI GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home ~~~ FINE DEL MONDO ~~~ PATMOS L’ISOLA GRECA DOVE EBBE INIZIO LA FINE DEL MONDO

PATMOS L’ISOLA GRECA DOVE EBBE INIZIO LA FINE DEL MONDO

CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@CARTOMANZIAGRATIS.INFO RITUALI GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home ~~~ FINE DEL MONDO ~~~ PATMOS L’ISOLA GRECA DOVE EBBE INIZIO LA FINE DEL MONDO

La Cartomanzia Gratis è gratuita e lo sarà sempre. Si regge sulla generosità di tanti angeli sparsi in tutto il […]

La Cartomanzia Gratis è gratuita e lo sarà sempre. Si regge sulla generosità di tanti angeli sparsi in tutto il mondo. Il tuo contributo varrebbe doppio, non per l’offerta in se ma come segno di apprezzamento per il nostro lavoro quotidiano. ***CLICCA QUI***

CARTOMANZIA GRATIS NEWS

L’isola di Patmos, situata sotto un cielo azzurro perfetto nella parte orientale del Mar Egeo, può sembrare una tipica destinazione di vacanza in Grecia , ma non lo è.

Non che tu possa immaginarlo, passeggiando lungo il sentiero tortuoso al centro dell’isola, dove un prete assonnato si prende cura di una bancarella di souvenir.

Eppure, questo è il luogo da cui scaturirono visioni infernali della caduta definitiva dell’umanità, ispirando San Giovanni a scrivere il Libro dell’Apocalisse che costituisce le pagine conclusive del Nuovo Testamento e fornisce alla Bibbia alcune delle sue descrizioni più portentose.

Qui, la cappella greco-ortodossa di Sant’Anna, costruita all’inizio del XVII secolo, racchiude completamente la grotta dove si dice che Giovanni abbia avuto visioni che interpretò come il giudizio finale.

Se non fosse per il cartello con la scritta “Grotta dell’Apocalisse” non sapresti che stai entrando nella grotta sacra. La cappella, chiusa sul lato nord da un’alcova rocciosa, si trova al termine di una serie di corridoi.

La fessura termina con un triplo punto, considerato il simbolo della santa trinità del cristianesimo: il padre, il figlio e lo spirito santo.

Due monaci vivono ancora oggi nelle celle sopra la grotta, ma il fulcro principale dell’attività religiosa a Patmos – conosciuta come “l’isola sacra” – è il monastero di San Giovanni, un’imponente cittadella che incombe sull’isola.

Fondato nel 1088 da San Christodoulos, monaco greco, il monastero conserva ancora le strutture originali risalenti all’XI secolo: parti delle fortificazioni, la cucina, alcune celle, la cisterna e, soprattutto, la chiesa di San Giovanni, che vanta degli splendidi affreschi.

Sebbene la chiesa sia impressionante, il museo e la biblioteca del monastero sono molto più formidabili.

Il posto d’onore è occupato dall’originale “toro d’oro” dell’imperatore bizantino Alessio I Comneno. Questo antico sigillo concedeva l’intera isola a Christodoulos, con monogrammi imperiali che apparivano su tutto il rotolo nel modo in cui oggigiorno si contraggono le pagine.

All’interno, una mitra d’argento svetta su una fessura recintata dove la figura biblica apparentemente posò la testa. Una staffa d’argento circonda la fessura dove si dice che abbia messo le mani per alzarsi.

“È qui che Procoro, lo scriba, trascrisse le risme di parole di Giovanni mentre il santo aveva la visione”, dice il direttore della cappella, indicando una Bibbia aperta posta dove la roccia forma un piedistallo naturale.

«Ed è da qui che la voce di Dio è arrivata e ha parlato al santo», aggiunge, indicando una fessura sulla roccia sovrastante.

Destinazione Grecia
Patmos: L’isola greca dove ebbe inizio la fine del mondo
John Malathronas , CNN
7 minuti di lettura
Aggiornato 06:34 EST, lunedì 4 marzo 2024
Miglioramenti dell’isola: Il finanziere Charles Pictet, ha restaurato tre mulini a vento su una collinetta di fronte al monastero, uno dei quali è perfettamente funzionante e produce farina integrale.
Villaggio Grikos: Questo delizioso villaggio di pescatori, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Giovanni Malathronas
Santa Grotta: un cartello che indica la Grotta dell’Apocalisse, la grotta dove si dice che il personaggio biblico San Giovanni abbia avuto una visione che ispirò il Libro dell’Apocalisse.
Monumento impressionante: il Monastero di San Giovanni, fondato nel 1088 da San Christodoulos, è una struttura simile a un forte che domina l’isola di Patmos.
Attrazione principale: un mosaico raffigurante San Giovanni è posizionato sopra il cancello dell’ammirato monastero.
Grotta della Visione: all’interno della grotta dell’Apocalisse, il luogo in cui San Giovanni fu ispirato a scrivere il Libro dell’Apocalisse. Fotografia con permesso speciale del monastero di San Giovanni.
Sala di lettura: la biblioteca del monastero è la più importante della Grecia dopo il Monte Athos e conserva 1.200 manoscritti in pergamena, pergamena o rotoli, compresi i fogli del vangelo di Marco risalenti al VI secolo.
Testi significativi: Contiene alcuni dei primi libri pubblicati esistenti, come l’edizione principale delle commedie di Aristofane del 1498.
Spiagge eccezionali: la spiaggia di Lambi, situata a nord di Patmos, è costellata di piccoli ciottoli multicolori.
Ciottoli arcobaleno: i colori vanno dall’arancio caramello al rosso patata dolce e giallo tuorlo d’uovo, il tutto contornato da striature scure e tratti di bianco puro.
Roccia indipendente: Secondo la leggenda, la roccia di Kallikatsou è formata da una ragazza la cui madre le ha lanciato una maledizione dopo aver nuotato subito dopo la Santa Comunione.
Piani ambiziosi: un politico svizzero, Josef Zisyadis, sta coltivando viti in 20 acri di terreno vicino alla spiaggia di Petra con Dorian Amar, un viticoltore francese.
Quasi ideale: “Il terreno è fertile, c’è acqua, ma il terroir non è perfetto per le viti”, afferma l’enologo Dorian Amar
Miglioramenti dell’isola: Il finanziere Charles Pictet, ha restaurato tre mulini a vento su una collinetta di fronte al monastero, uno dei quali è perfettamente funzionante e produce farina integrale.
Villaggio Grikos: Questo delizioso villaggio di pescatori, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Santa Grotta: un cartello che indica la Grotta dell’Apocalisse, la grotta dove si dice che il personaggio biblico San Giovanni abbia avuto una visione che ispirò il Libro dell’Apocalisse.
Un tour fotografico dell’isola greca di Patmos
1 di 14
Prec
Prossimo
Nota del redattore: questa storia è stata originariamente pubblicata nel 2018. È stata aggiornata e ripubblicata nel marzo 2024 in omaggio al suo scrittore, John Malathronas, morto a febbraio. Malathronas collaborava regolarmente con la CNN Travel ed era un esperto della Grecia, avendo scritto diverse guide rispettate nella sua terra natale.

CNN

L’isola di Patmos, situata sotto un cielo azzurro perfetto nella parte orientale del Mar Egeo, può sembrare una tipica destinazione di vacanza in Grecia , ma non lo è.

È dove è iniziata la fine del mondo.

Non che tu possa immaginarlo, passeggiando lungo il sentiero tortuoso al centro dell’isola, dove un prete assonnato si prende cura di una bancarella di souvenir.

Eppure, questo è il luogo da cui scaturirono visioni infernali della caduta definitiva dell’umanità, ispirando San Giovanni a scrivere il Libro dell’Apocalisse che costituisce le pagine conclusive del Nuovo Testamento e fornisce alla Bibbia alcune delle sue descrizioni più portentose.

Qui, la cappella greco-ortodossa di Sant’Anna, costruita all’inizio del XVII secolo, racchiude completamente la grotta dove si dice che Giovanni abbia avuto visioni che interpretò come il giudizio finale.

Il meglio della Grecia: posti meravigliosi e cibi più gustosi
Se non fosse per il cartello con la scritta “Grotta dell’Apocalisse” non sapresti che stai entrando nella grotta sacra. La cappella, chiusa sul lato nord da un’alcova rocciosa, si trova al termine di una serie di corridoi.

All’interno, una mitra d’argento svetta su una fessura recintata dove la figura biblica apparentemente posò la testa. Una staffa d’argento circonda la fessura dove si dice che abbia messo le mani per alzarsi.

“È qui che Procoro, lo scriba, trascrisse le risme di parole di Giovanni mentre il santo aveva la visione”, dice il direttore della cappella, indicando una Bibbia aperta posta dove la roccia forma un piedistallo naturale.

«Ed è da qui che la voce di Dio è arrivata e ha parlato al santo», aggiunge, indicando una fessura sulla roccia sovrastante.

La fessura termina con un triplo punto, considerato il simbolo della santa trinità del cristianesimo: il padre, il figlio e lo spirito santo.

‘Isola sacra’
L’isola è dominata dal Monastero di San Giovanni, simile a una fortezza.
L’isola è dominata dal Monastero di San Giovanni, simile a una fortezza. Giovanni Malathronas
Due monaci vivono ancora oggi nelle celle sopra la grotta, ma il fulcro principale dell’attività religiosa a Patmos – conosciuta come “l’isola sacra” – è il monastero di San Giovanni, un’imponente cittadella che incombe sull’isola.

PUBBLICITÀ

Fondato nel 1088 da San Christodoulos, monaco greco, il monastero conserva ancora le strutture originali risalenti all’XI secolo: parti delle fortificazioni, la cucina, alcune celle, la cisterna e, soprattutto, la chiesa di San Giovanni, che vanta degli splendidi affreschi.

Sebbene la chiesa sia impressionante, il museo e la biblioteca del monastero sono molto più formidabili.

Le migliori spiagge di Milos, Grecia
Il posto d’onore è occupato dall’originale “toro d’oro” dell’imperatore bizantino Alessio I Comneno. Questo antico sigillo concedeva l’intera isola a Christodoulos, con monogrammi imperiali che apparivano su tutto il rotolo nel modo in cui oggigiorno si contraggono le pagine.

Una nuotata a Lambi, nel nord di Patmos, ha contribuito a dimostrare le parole di Evgenikos.

La spiaggia qui è costellata di piccoli ciottoli multicolori che vanno dall’arancione al burro, al rosso della patata dolce e al giallo tuorlo d’uovo – e l’effetto combinato è straordinario.

Poi c’è Petra, una lingua di terra sabbiosa unita allo scoglio indipendente di Kallikatsou – secondo la leggenda lo scoglio è formato da una giovane ragazza la cui madre le scagliò una maledizione dopo aver nuotato qui subito dopo la Santa Comunione, nonostante fosse proibito fare così.

Un altro punto forte è l’incantevole villaggio di pescatori di Grikos, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.

Situata nel nord dell’arcipelago greco del Dodecaneso, Patmos non ha aeroporto e non è facile da raggiungere, ma attira VIP da tutto il mondo grazie alla sua tranquillità: l’Aga Khan, David Bowie e Giorgio Armani sono stati clienti abituali del anni.

In effetti, molti hanno fatto di Patmos la loro casa e hanno cercato di portare beneficio all’isola.

Nicholas Negroponte del Media Lab del MIT ha installato un sistema Wi-Fi su tutta l’isola affinché tutti possano navigare in Internet gratuitamente.

Un altro amante di Patmos, il finanziere Charles Pictet, restaurò tre mulini a vento su una collina di fronte al monastero. Uno è perfettamente funzionante e produce farina integrale.

Esiste anche un firman – una sorta di editto – emesso dal sultano Mehmed il Conquistatore nel 1454 che conferma l’indipendenza del monastero e assegna a un monaco l’esattore delle tasse.

La biblioteca – che si dice sia la più importante della Grecia al di fuori del centro greco-ortodosso del Monte Athos – vanta 1.200 manoscritti in pergamena, pergamena o rotoli, inclusi fogli del vangelo di Marco risalenti al VI secolo.

Sebbene la grotta e il monastero siano le principali attrazioni di Patmos, secondo Panagos Evgenikos, leader del consiglio dell’isola, non sono l’unica ragione per cui le persone affollano l’isola.

“Alcuni anni fa abbiamo aderito a una conferenza europea sul turismo religioso insieme a luoghi come Santiago de Compostela in Spagna e Lourdes in Francia”, ha detto Evgenikos durante la visita di chi scrive nel 2018. “Il consenso finale è stato che la religione di per sé non è sufficiente ad attrarre turisti verso una destinazione; ci deve essere un ulteriore fattore di attrazione.

“Nel caso di Patmos, sono le nostre spiagge e la bellezza di Chora, la nostra capitale.”

Josef Zisyadis, un politico svizzero, nutriva piani più ambiziosi: iniziò a coltivare la vite in 20 acri di terreno vicino alla spiaggia di Petra con Dorian Amar, un enologo francese.

Nel 2018, Amar sfoggiava con orgoglio un Assyrtiko bianco e un Mavrothiriko rosso sotto l’etichetta sfacciata di “Domaine de l’Apocalypse”.

“Il terreno è fertile, c’è acqua, ma il terroir non è perfetto per le viti”, disse allora. “C’è vento e c’è il sole ma non c’è ombra.”

“Ho piantato alberi per abbassare la temperatura e migliorare la produzione – una quercia qui, qualche carrubo là – dammi qualche anno e avrò trasformato questo appezzamento in un paradiso”.

Molti sostengono che l’isola sia già un paradiso a causa della sua relativa inaccessibilità, ma è possibile costruire un aeroporto?

Destinazione Grecia
Patmos: L’isola greca dove ebbe inizio la fine del mondo
John Malathronas , CNN
7 minuti di lettura
Aggiornato 06:34 EST, lunedì 4 marzo 2024
Miglioramenti dell’isola: Il finanziere Charles Pictet, ha restaurato tre mulini a vento su una collinetta di fronte al monastero, uno dei quali è perfettamente funzionante e produce farina integrale.
Villaggio Grikos: Questo delizioso villaggio di pescatori, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Giovanni Malathronas
Santa Grotta: un cartello che indica la Grotta dell’Apocalisse, la grotta dove si dice che il personaggio biblico San Giovanni abbia avuto una visione che ispirò il Libro dell’Apocalisse.
Monumento impressionante: il Monastero di San Giovanni, fondato nel 1088 da San Christodoulos, è una struttura simile a un forte che domina l’isola di Patmos.
Attrazione principale: un mosaico raffigurante San Giovanni è posizionato sopra il cancello dell’ammirato monastero.
Grotta della Visione: all’interno della grotta dell’Apocalisse, il luogo in cui San Giovanni fu ispirato a scrivere il Libro dell’Apocalisse. Fotografia con permesso speciale del monastero di San Giovanni.
Sala di lettura: la biblioteca del monastero è la più importante della Grecia dopo il Monte Athos e conserva 1.200 manoscritti in pergamena, pergamena o rotoli, compresi i fogli del vangelo di Marco risalenti al VI secolo.
Testi significativi: Contiene alcuni dei primi libri pubblicati esistenti, come l’edizione principale delle commedie di Aristofane del 1498.
Spiagge eccezionali: la spiaggia di Lambi, situata a nord di Patmos, è costellata di piccoli ciottoli multicolori.
Ciottoli arcobaleno: i colori vanno dall’arancio caramello al rosso patata dolce e giallo tuorlo d’uovo, il tutto contornato da striature scure e tratti di bianco puro.
Roccia indipendente: Secondo la leggenda, la roccia di Kallikatsou è formata da una ragazza la cui madre le ha lanciato una maledizione dopo aver nuotato subito dopo la Santa Comunione.
Piani ambiziosi: un politico svizzero, Josef Zisyadis, sta coltivando viti in 20 acri di terreno vicino alla spiaggia di Petra con Dorian Amar, un viticoltore francese.
Quasi ideale: “Il terreno è fertile, c’è acqua, ma il terroir non è perfetto per le viti”, afferma l’enologo Dorian Amar
Miglioramenti dell’isola: Il finanziere Charles Pictet, ha restaurato tre mulini a vento su una collinetta di fronte al monastero, uno dei quali è perfettamente funzionante e produce farina integrale.
Villaggio Grikos: Questo delizioso villaggio di pescatori, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.
Isola ‘sacra’: situata nel nord del gruppo di isole greche del Dodecaneso, Patmos è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano.
Santa Grotta: un cartello che indica la Grotta dell’Apocalisse, la grotta dove si dice che il personaggio biblico San Giovanni abbia avuto una visione che ispirò il Libro dell’Apocalisse.
Un tour fotografico dell’isola greca di Patmos
1 di 14
Prec
Prossimo
Nota del redattore: questa storia è stata originariamente pubblicata nel 2018. È stata aggiornata e ripubblicata nel marzo 2024 in omaggio al suo scrittore, John Malathronas, morto a febbraio. Malathronas collaborava regolarmente con la CNN Travel ed era un esperto della Grecia, avendo scritto diverse guide rispettate nella sua terra natale.

CNN

L’isola di Patmos, situata sotto un cielo azzurro perfetto nella parte orientale del Mar Egeo, può sembrare una tipica destinazione di vacanza in Grecia , ma non lo è.

È dove è iniziata la fine del mondo.

Non che tu possa immaginarlo, passeggiando lungo il sentiero tortuoso al centro dell’isola, dove un prete assonnato si prende cura di una bancarella di souvenir.

Eppure, questo è il luogo da cui scaturirono visioni infernali della caduta definitiva dell’umanità, ispirando San Giovanni a scrivere il Libro dell’Apocalisse che costituisce le pagine conclusive del Nuovo Testamento e fornisce alla Bibbia alcune delle sue descrizioni più portentose.

Qui, la cappella greco-ortodossa di Sant’Anna, costruita all’inizio del XVII secolo, racchiude completamente la grotta dove si dice che Giovanni abbia avuto visioni che interpretò come il giudizio finale.

Il meglio della Grecia: posti meravigliosi e cibi più gustosi
Se non fosse per il cartello con la scritta “Grotta dell’Apocalisse” non sapresti che stai entrando nella grotta sacra. La cappella, chiusa sul lato nord da un’alcova rocciosa, si trova al termine di una serie di corridoi.

All’interno, una mitra d’argento svetta su una fessura recintata dove la figura biblica apparentemente posò la testa. Una staffa d’argento circonda la fessura dove si dice che abbia messo le mani per alzarsi.

“È qui che Procoro, lo scriba, trascrisse le risme di parole di Giovanni mentre il santo aveva la visione”, dice il direttore della cappella, indicando una Bibbia aperta posta dove la roccia forma un piedistallo naturale.

«Ed è da qui che la voce di Dio è arrivata e ha parlato al santo», aggiunge, indicando una fessura sulla roccia sovrastante.

La fessura termina con un triplo punto, considerato il simbolo della santa trinità del cristianesimo: il padre, il figlio e lo spirito santo.

‘Isola sacra’
L’isola è dominata dal Monastero di San Giovanni, simile a una fortezza.
L’isola è dominata dal Monastero di San Giovanni, simile a una fortezza. Giovanni Malathronas
Due monaci vivono ancora oggi nelle celle sopra la grotta, ma il fulcro principale dell’attività religiosa a Patmos – conosciuta come “l’isola sacra” – è il monastero di San Giovanni, un’imponente cittadella che incombe sull’isola.

PUBBLICITÀ

Fondato nel 1088 da San Christodoulos, monaco greco, il monastero conserva ancora le strutture originali risalenti all’XI secolo: parti delle fortificazioni, la cucina, alcune celle, la cisterna e, soprattutto, la chiesa di San Giovanni, che vanta degli splendidi affreschi.

Sebbene la chiesa sia impressionante, il museo e la biblioteca del monastero sono molto più formidabili.

Le migliori spiagge di Milos, Grecia
Il posto d’onore è occupato dall’originale “toro d’oro” dell’imperatore bizantino Alessio I Comneno. Questo antico sigillo concedeva l’intera isola a Christodoulos, con monogrammi imperiali che apparivano su tutto il rotolo nel modo in cui oggigiorno si contraggono le pagine.

Esiste anche un firman – una sorta di editto – emesso dal sultano Mehmed il Conquistatore nel 1454 che conferma l’indipendenza del monastero e assegna a un monaco l’esattore delle tasse.

La biblioteca – che si dice sia la più importante della Grecia al di fuori del centro greco-ortodosso del Monte Athos – vanta 1.200 manoscritti in pergamena, pergamena o rotoli, inclusi fogli del vangelo di Marco risalenti al VI secolo.

Sebbene la grotta e il monastero siano le principali attrazioni di Patmos, secondo Panagos Evgenikos, leader del consiglio dell’isola, non sono l’unica ragione per cui le persone affollano l’isola.

“Alcuni anni fa abbiamo aderito a una conferenza europea sul turismo religioso insieme a luoghi come Santiago de Compostela in Spagna e Lourdes in Francia”, ha detto Evgenikos durante la visita di chi scrive nel 2018. “Il consenso finale è stato che la religione di per sé non è sufficiente ad attrarre turisti verso una destinazione; ci deve essere un ulteriore fattore di attrazione.

“Nel caso di Patmos, sono le nostre spiagge e la bellezza di Chora, la nostra capitale.”

Spiaggia arcobaleno
La spiaggia di Lambi è ricoperta di ciottoli multicolori.
La spiaggia di Lambi è ricoperta di ciottoli multicolori. Giovanni Malathronas
Una nuotata a Lambi, nel nord di Patmos, ha contribuito a dimostrare le parole di Evgenikos.

La spiaggia qui è costellata di piccoli ciottoli multicolori che vanno dall’arancione al burro, al rosso della patata dolce e al giallo tuorlo d’uovo – e l’effetto combinato è straordinario.

Poi c’è Petra, una lingua di terra sabbiosa unita allo scoglio indipendente di Kallikatsou – secondo la leggenda lo scoglio è formato da una giovane ragazza la cui madre le scagliò una maledizione dopo aver nuotato qui subito dopo la Santa Comunione, nonostante fosse proibito fare così.

Un altro punto forte è l’incantevole villaggio di pescatori di Grikos, di fronte alla piccola isola di Tragonissi, una protezione naturale dal vento per una sicura spiaggia sabbiosa.

Le migliori cose da vedere e da fare a Cipro
Situata nel nord dell’arcipelago greco del Dodecaneso, Patmos non ha aeroporto e non è facile da raggiungere, ma attira VIP da tutto il mondo grazie alla sua tranquillità: l’Aga Khan, David Bowie e Giorgio Armani sono stati clienti abituali del anni.

In effetti, molti hanno fatto di Patmos la loro casa e hanno cercato di portare beneficio all’isola.

Nicholas Negroponte del Media Lab del MIT ha installato un sistema Wi-Fi su tutta l’isola affinché tutti possano navigare in Internet gratuitamente.

Un altro amante di Patmos, il finanziere Charles Pictet, restaurò tre mulini a vento su una collina di fronte al monastero. Uno è perfettamente funzionante e produce farina integrale.

Josef Zisyadis, un politico svizzero, nutriva piani più ambiziosi: iniziò a coltivare la vite in 20 acri di terreno vicino alla spiaggia di Petra con Dorian Amar, un enologo francese.

Nel 2018, Amar sfoggiava con orgoglio un Assyrtiko bianco e un Mavrothiriko rosso sotto l’etichetta sfacciata di “Domaine de l’Apocalypse”.

“Il terreno è fertile, c’è acqua, ma il terroir non è perfetto per le viti”, disse allora. “C’è vento e c’è il sole ma non c’è ombra.”

“Ho piantato alberi per abbassare la temperatura e migliorare la produzione – una quercia qui, qualche carrubo là – dammi qualche anno e avrò trasformato questo appezzamento in un paradiso”.

Molti sostengono che l’isola sia già un paradiso a causa della sua relativa inaccessibilità, ma è possibile costruire un aeroporto?

Nessuna nudità
La spiaggia di Petra si trova oltre alcuni vigneti dell’isola.
La spiaggia di Petra si trova oltre alcuni vigneti dell’isola. Giovanni Malathronas
Christos Patakos, direttore del Patmos Aktis, l’unico hotel a cinque stelle dell’isola, ha scosso la testa.

“Non credo che accadrà mai”, ha detto, quando gli è stato chiesto nel 2018. “C’è una sensazione generale, soprattutto tra i clienti abituali e coloro che possiedono case a Patmos, che l’isola debba essere ‘protetta’ dal turismo di massa . Sono loro che si oppongono”.

Anche se il monastero è una delle principali attrazioni qui, non domina la vita sull’isola.

“Il monastero ha molto peso, ma si tiene fuori dalla vita di tutti i giorni finché c’è rispetto reciproco: per esempio, non c’è nudismo e i bar di Chora chiudono alle 3 del mattino”

Padre Bartolomeo, monaco gioviale e comunicativo, fu d’accordo.

“È allora che andiamo al Mattutino”, intervenne. “I turisti dimenticano che questo è un monastero vivente e che dobbiamo adempiere ai nostri obblighi”.

Bartolomeo concesse anche che il monastero avrebbe accolto un aeroporto sull’isola.

“Aumenterebbe solo marginalmente il turismo e sarebbe vantaggioso per la gente del posto in caso di emergenze mediche.

Secondo Bartolomeo, il monastero si è sempre schierato con il comune e le autorità turistiche quando si tratta di piani di sviluppo.

“Una base militare qui voleva svolgere esercitazioni di artiglieria durante l’estate; li abbiamo proibiti”, ha aggiunto.

«Per quanto riguarda gli orari di apertura: chiudiamo alle 13,30 perché alle 15 si celebrano i Vespri. La sveglia per il Mattutino è alle 3, con la Messa alle 6, così possiamo aprire alle 8.

“Anche a metà giugno alcuni negozi potrebbero non aver ancora aperto, ma siamo l’unica attività affidabile sull’isola, aperta tutto l’anno.

“È tutto equilibrato e armonico; sappiamo tutti a che punto siamo”.

Patakos acconsentì. “L’isola ha molti fan, che vengono qui per ricaricare le batterie e assorbirne l’energia. Puoi sentire le vibrazioni quando arrivi.

“Sì, il turismo è principalmente turismo balneare, ma siamo fortunati ad avere anche luoghi meravigliosi come il monastero e la grotta.”

“Patmos è una piccola Bisanzio, come il Monte Athos ma più avanzata: non la chiamano ‘la Gerusalemme dell’Egeo’ senza motivo.”

Arrivarci

Il modo più semplice per andare a Patmos è tramite traghetto (da due a tre ore) da Kos, che ha un aeroporto internazionale.

Patmos Aktis Suites & Spa , Patmos 855 00; +30 2247 032800

Monastero di San Giovanni il Teologo, Patmos 855 00; +30 2247 031223

La Cartomanzia Gratis è gratuita e lo sarà sempre. Si regge sulla generosità di tanti angeli sparsi in tutto il mondo. Il tuo contributo varrebbe doppio, non per l’offerta in se ma come segno di apprezzamento per il nostro lavoro quotidiano. ***CLICCA QUI***

CONTINUA A LEGGERE SU CARTOMANZIA GRATIS

GRATIS CARTOMANZIA
Invia tramite WhatsApp
Torna in alto