CARTOMANZIA E RITUALI GRATIS AL +39 339 27 29 722 E +39 366 45 86 448 ANCHE SU WHATSAPP E TELEGRAM CON RISPOSTA IMMEDIATA Home ~~~ HAMAS ~~~ LA GUERRA RIPRENDE

LA GUERRA RIPRENDE

CARTOMANZIA E RITUALI GRATIS AL +39 339 27 29 722 E +39 366 45 86 448 ANCHE SU WHATSAPP E TELEGRAM CON RISPOSTA IMMEDIATA Home ~~~ HAMAS ~~~ LA GUERRA RIPRENDE

CARTOMANZIA GRATIS NEWSIl numero delle persone uccise negli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza a partire da questa mattina è […]

CARTOMANZIA GRATIS NEWSIl numero delle persone uccise negli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza a partire da questa mattina è salito ad oltre 100, secondo il ministero della Sanità di Hamas. La situazione a Gaza ” è oltre il punto di crisi” e la “ripresa delle ostilità a Gaza è catastrofica”, ha denunciato oggi l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk. I “recenti commenti di leader politici e militari israeliani che indicano che stanno progettando di estendere e intensificare l’offensiva militare sono molto preoccupanti”, ha aggiunto in un commento reso noto a Ginevra. L’Alto commissario ha quindi esortato “tutte le parti e gli Stati che esercitano influenza su di esse a raddoppiare immediatamente gli sforzi per garantire un cessate il fuoco, per motivi umanitari e relativi ai diritti umani”. Dal 7 ottobre, “migliaia di palestinesi sono stati uccisi a Gaza, secondo il ministero della Sanità di Gaza. Altri ora affrontano la stessa sorte. Altri rischiano di essere sfollati con la forza in parti di Gaza già gravemente sovraffollate e insalubri”, ha affermato. “Dopo avere ucciso oltre 15mila palestinesi, i criminali sionisti hanno avviato una nuova ondata di uccisioni e distruzione in base al continuo sostegno del governo americano”. Lo ha affermato su X il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Nasser Kanani. “La violazione del cessate il fuoco e la ripresa dell’aggressione militare contro Gaza da parte del regime sionista è avvenuta a pochi minuti dalla partenza dai territori occupati del Segretario di Stato degli Usa (Antony) Blinken. Ancora una volta civili, donne e bambini sono le principali vittime degli attacchi criminali lanciati dall’esercito sionista”, ha aggiunto Kanani. “Ovviamente, la responsabilità legale e politica del prolungamento dell’aggressione e della brutale uccisione del popolo palestinese è, oltre che del criminale regime sionista, del governo degli Usa e dei pochi governi che hanno sostenuto il regime dell’apartheid”, ha affermato il funzionario della Repubblica islamica, sottolineando che “la maggior parte dei governi nel mondo stanno chiedendo a gran voce che il cessate il fuoco continui”. Gli Stati Uniti “continuano a lavorare” per una tregua umanitaria a Gaza. Lo riferisce la Casa Bianca. La presidenza palestinese ritiene gli Stati Uniti responsabili della ripresa “dell’aggressione israeliana” alla Striscia di Gaza, perché non hanno costretto Israele a fermarsi. Lo ha detto il portavoce di Abu Mazen, Nabil Abu Rudeineh, “La ripresa dell’aggressione contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza, unita all’escalation dei crimini delle forze di occupazione israeliane e dei coloni terroristi in Cisgiordania, è una continuazione dei crimini di pulizia etnica e genocidio – ha affermato Abu Rudeineh in un comunicato stampa diffuso dall’agenzia di stampa palestinese Wafa – queste azioni sono in corso dall’inizio dell’aggressione israeliana contro il popolo palestinese e mirano a sfollare il popolo palestinese e a eliminare la sua causa”. “Tutti questi crimini non porteranno nè sicurezza nè pace a nessuno nella regione e devono cessare immediatamente”, ha aggiunto il portavoce. Abu Rudeineh ha poi sottolineato che “la maggior parte dei paesi e delle loro popolazioni in tutto il mondo sono solidali con il popolo palestinese”. “La ripresa del ciclo di distruzione e aggressione, unito ai doppi standard dell’amministrazione statunitense, non porterà sicurezza e pace a nessuno”, ha proseguito il portavoce, rimarcando che il governo israeliano è “pienamente responsabile dei suoi crimini e delle loro catastrofiche conseguenze”, mentre “l’amministrazione statunitense è responsabile per non imporre a Israele di fermare questa aggressione”. Il kibbutz di Nir Oz ha annunciato oggi che uno dei suoi membri fondatori, Arieh Zalmanovich, 85 anni, è morto mentre dal 7 ottobre era tenuto in ostaggio da Hamas a Gaza. Il kibbutz sostiene di aver appreso che è stato ucciso. ”Padre di due figli, nonno di cinque nipoti Arieh è sempre stato legato alla terra” si legge nel comunicato del Kibbutz. ”Si e’ sempre occupato di agricoltura e di coltivazioni. Era un uomo di lettere e persona colta nella storia del nostro Paese”. Zalmanovich era il piu’ anziano dei 240 israeliani e stranieri catturati da Hamas. Migliaia di abitanti di una zona agricola situata a sud di Gaza stanno raggiungendo la vicina città di Khan Yunis dopo aver ricevuto oggi l’ordine di sgombero immediato da parte dell’esercito israeliano. Si tratta degli abitanti dei villaggi di Karara, Khuzaa, Bani Suheila ed Abasan, situati a breve distanza dalla linea di demarcazione con Israele. Fonti locali riferiscono di lunghe code di persone che intasano la arteria Sallah-a-din diretti verso Khan Yunis con automobili, carretti o anche a dorso di asini.CONTINUA A LEGGERE SU CARTOMANZIA GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GRATIS CARTOMANZIA
Invia tramite WhatsApp
Torna in alto